Sarò breve, come è mia abitudine da qualche tempo a questa parte. Il governo ha concentrato la sua politica scolastica sul (falso) problema del Greenpass, favorendo polemiche mediatiche capziose, attaccando indirettamente le organizzazioni sindacali dopo aver firmato un accordo disatteso dopo pochi giorni, ignorando completamente i problemi strutturali della scuola.

Le classi continuano ad essere sovraffollate, esiste un divario enorme tra nord e sud del paese e centro e periferia nelle grandi città, i programmi restano obsoleti, l’inserimento di materie come Educazione civica, o come diavolo si chiama adesso, resta confuso, farraginoso e calato dall’alto, l’edilizia scolastica è spesso carente, non è stata effettuata neppure l’installazione di sistemi di aerazione automatici che avrebbe potuto evitare la demenziale apertura di porte e finestre anche in pieno inverno, ecc.

Non siamo al punto di rimpiangere l’Azzolina perché non si può rimpiangere il nulla,( casomai sarebbe opportuno indagare sui chi ci ha guadgnato sulla grottesca vicenda delle sedie a rotelle), ma se il governo dei migliori è questo, almeno prima si rideva.

A preoccupare è la manovra di distrazione di massa dai problemi reali attuata dall’esecutivo con la complicità dei media, ormai house organ governativi e la compiacenza dei Dirigenti scolastici, maestri nello schierarsi sempre dalla parte del torto ( non in senso brechtiano). Sembra un ballon d’essai per altre e ben più serie manovre di distrazione di massa.

Il problema del greenpass era risolvibile inserendo l’obbligo vaccinale e comunque il numero dei docenti vaccinati risulterà oltre il 90% e chi non vorrà adeguarsi se ne assumerà la responsabilità. Insegniamo ai nostri ragazzi che la libertà del singolo vale finchè non incide su quella degli altri e non vaccinarsi, a mio avviso, incide pesantemente sulla libertà degli altri.

Per concludere, questa volta si è disatteso il criterio gattopardesco: non hanno neanche provato a far finta di cambiare tutto. Forse per questo sono i migliori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...