Si può leggere questo libro come una geniale parodia del complottismo, una affettuosa e amara autobiografia in parte immaginaria, un divertissement ucronico, ecc., ma, alla luce di quello che è accaduto con Trump, dell’ubriacatura nazionalista e populista del popolo americano e di Capitol Hill, appare soprattutto come un libro profetico.

Roth ipotizza che C. Lindbergh, eroe americano la cui ammirazione per il nazismo e l’antisemitismo non sono un mistero per gli storici, arrivi alla presidenza degli Stati Uniti con lo scopo di tenere fuori la nazione dal conflitto e di nazificarla a partire dalla cancellazione degli ebrei.

La vicenda viene narrata dal punto di vista della famiglia Roth e tali e tanti sono gli spunti di riflessione, da cosa significa essere ebrei, a come sia facile, da parte del potere, fomentare l’odio razziale e spingere un popolo a tradire i propri ideali, alle teorie del complotto, che sarebbe necessario un saggio per descrivere la maestria di uno dei più grandi autori americani di ogni tempo nel prenderci per mano e raccontarci questa storia.

Da leggere, perché Roth aveva visto lontano e non solo per quanto riguarda gli Stati Uniti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...