La faccio breve. Solitamente rispetto chi la pensa diversamente da me e cerco anche, quando possibile, uno scambio d’opinioni franco siulle questioni in gioco. Questa volta no.

Trovo ignobile, offensivo e vergognoso l’esposto presentato da alcuni genitori, che hanno soldi da spedere in abbondanza in questo momento, e qualche collega, i giornali non riportano mai le cifre esatte, riguardo la presunta lesione del diritto allo studio causata dalla Dad.

Non credo alle rivoluzioni e le rivoluzioni dei comunisti col rolex, perché di questo si tratta, mi provocano anche una certa ripugnanza.

Il diritto allo studio è violato ogni santo giorno in questo paese ma non dalla Dad bensì da un sistema scolastico dove chi ha i soldi, vedi sopra, può frequentare le scuole migliori, per chi non li ha, ci sono le scuole dove gli insegnanti non vanno se non sono costretti.

Questo all’interno della stessa città, a Genova esiste solo il centro, in centro ci sono scuole che hanno l’organico bloccato da decenni perché sperimentali, in centro ci sono scuole che hanno tutto, come quelle frequentate dai figli di chi ha presentato l’esposto e scuole che non hanno niente. Se andiamo al sud, in molte realtà il diritto allo studio non esiste ed è tenuto in piedi solo da insegnanti e dirigenti che, nonostante tutto, si ostinano a fare scuola.

Insegnanti e dirigenti che ostinatamente, dopo aver visto disattese le loro richieste a maggio, dopo che i sindacati avevano presentato proposte dettagliate per riprendere in sicurezza cadute nel cestino dei rifuti, hanno ricominciato a lavorare e, cari signori, non hanno mai smesso, nè in presenza, nè in dad, a proprie spese, tra parentesi.

MI sento personalmente offeso a sentir parlare di violazione del diritto allo studio per il sottoscritto e i suoi colleghi, come sanno benissimo gli azzeccagarbugli dell’esposto, sono garanti di quel diritto e affermare che non è stato rispettato significa offendere e mettere sotto accusa l’intera categoria. Spiace che ci siano dei colleghi dietro questa farsa, ma l’autolesionismo e l’ideologismo vuoto sono costanti di una parte, per fortuna minoritaria, della nostra categoria. Sono ben altri i problemi della scuola anche in Liguria e vanno oltre le quattro scuole per rampolli di buona famiglia che questa trentina di persone rappresentano.

Sicuramente non ha bisogno di battaglie da fighetti.

P.s. Nessuno di loro signori ha avuto nulla da dire sull’aumento del numero di alunni per classe annunciato per Settembre. Giusto perché tengono al diritto allo studio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...