Mi piace cominciare questo nuovo blog citando un romanzo di Thomas Hardy che ho molto amato, con un personaggio femminile indimenticabile, forte e indipendente.

Da tempo frequento i social sporadicamente, per interagire con quei pochi con cui è possibile fare discorsi che esulino dalla banalità e dal qualunquismo che impera e con ex alunni e parenti lontani, che mi fa sempre piacere sentire.

Mi sono reso conto di rischiare, negli ultimi tempi, di finire a afar parte dell’odiata schiera dei tuttologi, di chi esprime la propria opinione su tutto, anche e soprattuto, su ciò riguardo cui non possiede alcuna competenza.

Ho deciso così di aprire un nuovo blog in cui mi occuperò solo ed esclusivamente di quello che conosco: letteratura, storia, cultura, cinema, musica, lasciando il resto all’altro blog se e quando sentirò la necessità di pontificare, quindi, presumibilmente, chiudendolo presto.

Nel mio ultimo libro non mi sono soffermato, come nel precedente, sul potere di condizionamento della rete, privilegiando altri argomenti dettati dalla situazione che stiamo vivendo.

Ci tornerò sopra nel terzo volume della trilogia, in avanzato stato di composizione, scusate il pessimo calembour.

A chi è solito seguirmi, spero sia gradito questo cambiamento di rotta, dettato dalla necessità di uscire dalla canea dei social e di tornare a occuparmi di argomenti radical chic che mi sono assai più graditi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...